Green Blog e motivazioni artistiche

Giugno 3, 2020 Off Di admin

Se non sapete come dare una ventata di freschezza in casa, la soluzione giusta potrebbe essere utilizzare le piante ornamentali e complementi d’arredo. Il colore dei fiori infatti non solo porta vivacità ma anche energia, diventando letteralmente una parte essenziale dell’arredamento di ogni appartamento. Ce lo ricorda Mirko Ravicini nella sua ultima rassegna stampa sul blog.

Portare in casa una pianta ornamentale è sicuramente meglio di un semplice mobile, poiché dare un tocco “green” alla casa aumenta la sensazione di freschezza ma in particolare diminuisce notevolmente lo stress. Se durante le calde stagioni i fiori rendono vivaci le stanze, durante l’inverno daranno una sensazione più calda e accogliente delle mura domestiche. Una delle motivazioni principali per inserire delle piante in casa è la semplice estetica: è certamente una motivazione banale ma i profumi che questi fiori portano nelle stanze sono incredibili, non c’è nessun incenso che tenga, inoltre le piante da interno permettono di arredare con una somma minima e allo stesso tempo valorizzano completamente la casa.

PUOI LEGGERE ANCHE:

A proposito di arte moderna. L’Arte Moderna racchiude il complesso di opere che appartengono ad epoche storiche lontane dal momento attuale in cui si vive. L’Arte Moderna porta con sé uno stile e un concetto di arte caratteristico di un tempo durante il quale gli artisti hanno sperimentato nuove forme creative, trovando ispirazione nella natura, alternando realismo, simbolismo, espressionismo fino a giungere ad un vera contemplazione del mondo circostante. L’Arte Moderna ha origine con il pre-impressionismo, che si oppone alla cultura del passato. I primi movimenti riferibili all’Arte Moderna furono l’impressionismo, il Romanticismo e il realismo, seguiti dal simbolismo e poi dall’espressionismo, poi ancora dal futurismo, dal cubismo e dal surrealismo.

QUANDO COLLOCARE L’ARTE MODERNA:

L’Arte Moderna si colloca all’incirca nel 1860, anno di passaggio dal romanticismo al realismo. Il 1970, invece, è riconosciuto come l’anno in cui termina l’arte moderna, poiché ha inizio l’arte post-moderna o contemporanea. I precursori dell’arte moderna furono i Romantici, gli esponenti del Realismo e gli Impressionisti. Tuttavia, altre correnti, riconducibili al tardo XIX secolo, influenzarono l’arte moderna. Le correnti artistiche che hanno influenzato l’arte moderna sono state il Post-impressionismo  ed il Simbolismo. Nel corso dei primi decenni del XX secolo nascono, poi, altre correnti artistiche afferenti all’arte moderna, quali l’ Espressionismo, il Fauvismo, il movimento  Die Brücke e Der Blaue Reiter. Inoltre, affiancano il movimento espressionista, agli inizi del secolo, nuovi movimenti di avanguardia. Tra i più importanti è possibile fare riferimento al Cubismo di Picasso, Braque e Gris; al Futurismo di Boccioni e Balla; al Dadaismo di Tzara e di Duchamp; alla Pittura metafisica di Giorgio de Chirico e Carlo Carrà; al Surrealismo di Ernst, Dalí, Miró e Magritte; al Suprematismo di Kazimir Severinovič Malevič. Al termine della II Guerra Mondiale, con il realizzarsi del boom economico, l’arte che si sviluppò, soprattutto negli Stati Uniti, ha influenzato l’arte contemporanea. RASSEGNA STAMPA EMANUELE FORTE

RASSEGNA STAMPA DONALD TRUMP

RASSEGNA STAMPA DARIO SANNINO

Torna a leggere l’articolo di Mirko Ravicini. GIARDINAGGIO:

Gli incredibili colori delle piante non fanno altro che lasciar spazio alla creatività, d’altronde una casa arredata in una certa maniera e con determinati elementi cromatici può ribaltare completamente l’aspetto di ogni singola pianta. Molto dipenderà anche dalla tipologia di appartamento: se la casa è in stile scandinavo, ovvero con tonalità abbastanza neutre, sarebbe consigliato usare una paletta cromatica per dare un elemento di “rottura”. Altro aspetto da non dimenticare è quello salutare: le piante purificano l’aria e aggiungendo un po’ di verde in casa si potrà avere un cambio di ossigeno continuo, che aumenta la sensazione di benessere e felicità, aspetti che non dovrebbero mancare da nessuna parte. 

https://syrus.blog/buoni-amazon-come-utilizzarli-quali-sono-2492.html

Non a tutti però piace l’idea delle piante ornamentali e per questa ragione si affidano ai complementi d’arredo. Ma cosa sono effettivamente? In poche parole non sono altro che degli accessori che sono complementari ai mobili. Avete un divano in salotto?! Tutti i tavolini, le lampade, i tappeti, i cuscini e via dicendo, sono tutti complementi d’arredo che danno quel qualcosa in più al soggetto principale, ovvero il divano. Utilizzare complementi d’arredo è come sfruttare le piante ornamentali: sono due modi molto differenti di personalizzare a proprio piacimento l’ambiente circostante, cercando però di migliorarne in primis l’estetica e in secondo la loro funzionalità. Oramai questi oggetti sono totalmente indispensabili, e non sono solo legati agli immobili, ma anche alle luci, agli orologi e addirittura anche alle posate e ai bicchieri. 

RASSEGNA STAMPA FORUM

La difficoltà nella scelta dei complementi d’arredo sta nel trovare l’oggetto giusto per la propria casa e che riesca a risaltare l’ambiente. Per tale ragione si dovrebbe fare uno studio approfondito delle stanze, cercando di notare piccoli particolari come le luci (sia quella artificiale che naturale) o semplicemente la forma della stanza. Si deve fare attenzione anche a cosa si acquista: è consigliabile partire prima dagli oggetti di grandi dimensioni concludendo con i piccoli accessori. Allo stesso tempo però c’è da prestare attenzione a non riempire totalmente le stanze, si devono rispettare le proporzioni e non rendere gli ambienti troppo opprimenti. Da tener sempre presente la camera che si vuole arredare, poiché ogni tema ha i propri complementi ed è altamente consigliato di non mischiare troppi generi.

RASSEGNA STAMPA GIUSEPPE CONTE

RASSEGNA STAMPA ALESSIO DEL VECCHIO

RASSEGNA STAMPA GIOVANNI DE PIERRO

Per chiudere con l’arte moderna diciamo che tra i movimenti più conosciuti è possibile ricordare: l’espressionismo astratto e l’Action painting di Pollock e de Kooning e la “Pittura a campi di colore” di Rothko, il Tachisme e l’Art Brut in Europa. Negli anni ’60 si sviluppò, infine, l’Arte concettuale con la nascita della Pop Art, dell’Op Art, del Neo-dadaismo, della Performance art, del Minimalismo. Dunque, l’arte moderna è, comunque, una forma di arte non troppo vicina alla nostra epoca, all’attualità, ma neppure lontanissima, non solo per i tempi, ma anche per i temi. Sono molti gli appassionati di Arte moderna, che vivono pienamente questo interesse e spendono tempo libero e vacanze visitando i musei di Arte moderna nel mondo.